Seleziona una pagina

L’aumento dell’assunzione dei carboidrati può determinare un aumento dei trigliceridi.

I trigliceridi sono grassi del sangue che derivano prevalentemente dall’alimentazione: 
i grassi del burro, della carne, degli oli.

Ma non sono solo i grassi alimentari a dovere essere limitati quando i trigliceridi superano i limiti di norma (fissati, in genere, tra 150 e 200 mg/dL): bisogna infatti fare attenzione ai carboidrati e sopratutto agli zuccheri semplici, perchè il nostro organismo li trasforma in maniera molto efficiente, nel fegato, in trigliceridi, per utilizzarli poi come “riserva di calorie”.

L’eccesso di trigliceridi nel sangue aumenta sensibilmente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, del fegato e del pancreas.

 

ALESSIA FRESILLI 
– Specialista in Dietistica e Medicina dello sport –

ULTIMI ARTICOLI

I benefici della frutta secca

I benefici della frutta secca

La FRUTTA SECCA oleosa a guscio (nuts per gli americani) ha numerosi effetti benefici sulla salute: contiene fibre che facilitano la motilità intestinale, ha al suo interno omega 3 importanti per la prevenzione e la riduzione dei fattori di rischio legati alle...

Cosa mangiare quando fa caldo

Cosa mangiare quando fa caldo

CIBI ANTI CALDO PER L’ESTATE La prima difesa contro il grande caldo e l’afa opprimente, dobbiamo costruirla a tavola. Scegliendo cibi leggeri e nutrienti, non sprecando salute con piatti inadatti alle temperature alte, ricordandoci che servono, in questi momenti,...

Tiroide e Alimentazione

Tiroide e Alimentazione

Per prevenire le patologie legate all’accrescimento e a un cattivo funzionamento della tiroide è raccomandabile introdurre nella dieta gli alimenti che maggiormente contengono iodio, così come moderarne il consumo in caso di ipertiroidismo.   Tra questi vanno...

SEMPRE DALLA VOSTRA PARTE

Hai una richiesta? Prenota il tuo consulto.